Eresia è un concerto-reading di testi del poeta e drammaturgo russo Majakovskij, il cantore della rivoluzione d’Ottobre, ideato e realizzato da Pierpaolo Capovilla  de Il teatro degli orrori, che il pubblico di molte città italiane ha già avuto l’occasione di apprezzare. Un reading maestralmente esposto ed emotivamente coinvolgente pur nella sua audacia.

Fattore quest’ultimo che evidenzia se possibile, la centralità del poeta russo nell’universo capovilliano attuale. Vera e propria anima ispiratrice oltre che grimaldello per scardinare l’oblio non solo calato sulle liriche del poeta, ma anche sulle coscienze dei nostri contemporanei. Un Capovilla che  ruba la scena quasi più delle parole di Majakovskij con la sua austera figura, il suo stentoreo declamare versi immortali e insieme tremendamente attuali. Interpretati, più che letti, con una passione e un trasporto che sono ormai ben noti anche a chi traffichi col rock del Teatro.

L’ingresso è gratuito, ma è richiesta comunque la prenotazione del posto per la normativa COVID-19.