Mostra E’ tempo di olimpiadi [Set 21]

Mostra E’ tempo di olimpiadi [Set 21]

Locandina Welcome back Marilyn

E’ tempo di olimpiadi è la mostra dei vincitori della 6^ edizione del Premio Internazionale di Potografia “Agnese Meotti” e che sarà inaugurata sabato 4 settembre.

Sarà visitabile dal 5 settembre al 10 ottobre nelle sale Tiziano e Raffaello del complesso monumentale di Villa Del Bene.

Saranno esposti 15 scatti del progetto dedicato agli atleti con disabilità del 1° classificato Adriano Boscato e altri 15 scatti di due progetti del 2° classificato Domenico Cippitelli dal titolo Giò e One eye.

La fotografia e lo sport

L’arrivo delle Olimpiadi riporta la nostra mente a due momenti storici: i giochi sacri dell’antichità, celebrati in onore di Zeus nella città sacra di Olimpia ogni quattro anni nei mesi estivi. Erano i più antichi e i più solenni fra i quattro giochi panellenici celebrati dai Greci e nell’ottocento con la scoperta delle rovine dell’antica città di Olimpia dove si rinnovò l’interesse per lo spirito dei Giochi dell’antichità. In quel momento storico Pierre de Coubertin, pedagogista e sociologo, riuscì a riproporre i Giochi con la visione dell’importanza che lo sport aveva nella formazione dei giovani e, come strumento di pace tra i popoli. Ma il vero inizio delle moderne Olimpiadi si ebbe solo in occasione della sua IV edizione, nel 1908 durante i giochi di Londra. Ma è possibile accostare l’arte allo sport e conseguentemente alla fotografia in quanto forma dell’arte? Assolutamente si. 

L’arte classica e lo sport

Il fecondo binomio arte e sport divenne inscindibile in Grecia, tanto che le gare e gli esercizi di palestra furono uno dei temi preferiti dagli artisti. Lo studio degli armoniosi corpi degli atleti, spesso idolatrati come divinità, guidò Policleto all’elaborazione del suo “canone”, concretizzato nella statua del Doriforo e Mirone che nel Discobolo seppe cogliere l’attimo in cui il movimento pare arrestarsi prima di esplodere in tutta la sua energia, Lisippo poi conquistò lo spazio con l’ampia e ieratica gestualità dell’Apoxyómenos. Omero nei versi dei suoi poemi epici trasformò gli atleti in eroi e donò loro l’immortalità degli dei. Ma non ci fu genere letterario o arte figurativa che si sottrasse al fascino degli agònes. Il binomio arte e sport nell’antichità poté affermarsi in particolar modo proprio a Olimpia, dove si celebravano le Olimpiadi, tema di questa edizione del nostro premio di fotografia. Con un grande saldo nello spazio e nel tempo arriviamo alle moderne Olimpiadi dove nel 1906, a Parigi, de Coubertin, nel foyer della Comédie Française, convocò una Conférence consultative des Arts, des Lettres et des Sports e dove si approvò l’istituzione di cinque concorsi artistici per opere inedite ispirate all’ideale sportivo e che nel tempo aumentarono arrivando a comprendere anche l’architettura.

La fotografia e le olimpiadi

E la fotografia quale ruolo ha avuto? Un grande ruolo nelle moderne Olimpiadi immortalando gli atleti, la loro plasticità, la gioia, il dramma, la potenza e lo sforzo, la follia e la protesta, ma anche i panorami dei luoghi. Come non ricordare la foto della cerimonia di apertura dei Giochi di Atene del 1906, sembra un quadro futurista. E la prima finale dei 100 metri maschili dove i cinque atleti, con pose diverse una dall’altra, sono pronti a scattare come in una raffigurazione scolpita su un bassorilievo romano. E Jesse Owens nella finale dei 200 metri maschili nelle Olimpiadi di Berlino nel 1936, immortalato da uno scatto che coglie il suo movimento come se fosse un dio greco, ma di colore scuro, di fronte alla Germania nazista. Il maratoneta brasiliano Da Lima che alle Olimpiadi di Atene del 2004 viene placcato da uno squilibrato, e che perde la gara ci porta a pensare a Caravaggio, dove la sua pittura non è solo l’intensità espressiva dei colori e le emozioni palpitanti che si incarnano nei soggetti, ma è anche la storia che viene raccontata. Una storia dentro a un’altra storia, ogni corpo ha avuto una vita propria, è stato un personaggio reale che nella foto non ha fatto altro che essere sé stesso.

E alle Olimpiadi del ’68 a Città del Messico, i pugni alzati in un guanto nero delle medaglie Tommie Smhit e John Carlos in segno di protesta contro le discriminazioni razziali, ci riportano ad artisti contemporanei come Banksy. Azioni come queste, nel mondo contemporaneo vengono comunemente decodificate con il termine “attivismo”. La loro arte vive soprattutto con l’obbiettivo di offrire una voce a chi normalmente non ce l’ha.

Altro esempio ci viene offerto dal fotografo francese François Xavier Marit, sempre in cerca di trovare nuovi mezzi innovativi per scattare foto spettacolari negli eventi sportivi principali come nelle Olimpiadi. Le foto che vengono scattate sono semplicemente stupefacenti. La fotografia in passato aveva a disposizione solo il fotografo e la macchina fotografica, oggi ci sono macchine robotizzate che permettono di raggiungere posti inaccessibili per un fotografo. Sembra di ritornare nel rinascimento, nella bottega dell’artista dove si imparavano le tecniche e si sperimentavano nuove tecniche artistiche. Dove si dava vita a nuove comunità di artisti generando nuovi valori estetici ed espressivi, nonché sociali ed economici concependo modi rivoluzionari anche nel modo di vivere ed interpretare la vita.

Ecco, tranquillamente è possibile affermare che l’arte della fotografia può essere accostata allo sport.

PRODUZIONE

BHR Group   Il genio italiano

IDEAZIONE E CURA DELLA MOSTRA

Gianneugenio Bortolazzi

PATROCINIO

Ministero della cultura

DIRETTORE ARTISTICO

Angelo Lanza

 

SPONSOR

B&B Studio

COORDINAMENTO ORGANIZZATIVO E RELAZIONI ESTERNE

Alice Bellotto

Like a Virgin [Lug 21]

Like a Virgin [Lug 21]

Locandina Like a Virgin

Like a Virgin è la mostra in stile Pop Art che l’artista Sasha Torrisi inaugurerà a Villa Del Bene il 25 luglio 2021.

Sasha Torrisi, ex cantante dei Timoria, artista poliedrico, espone opere dal tema femminile di grande impatto visivo e dai colori brillanti.

La mostra sarà visitabile dal 25 luglio al 29 agosto nelle sale Tiziano e Raffaello del complesso monumentale di Villa Del Bene.

 

Sasha Torrisi

Sasha Torrisi è una delle voci più belle ed interessanti del panorama della musica italiana.

E’ stato cantante dei Timoria dal 1997 al 2004 e con loro ha partecipato a Sanremo 2002 nella categoria Big. Vincitore di due dischi d’Oro ed uno di Platino, ha scritto canzoni per gli stessi Timoria, J-Ax (Articolo 31), Adriano Celentano ed altri artisti italiani.

Ha realizzato tre album con Rezophonic, il collettivo di oltre 150 musicisti italiani (tra cui Piero Pelù, Negramaro, Roy Paci, Enrico Ruggeri, Le Vibrazioni, Caparezza) uniti dallo scopo comune di promuovere la costruzione di pozzi d’acqua in Africa.

Tra le collaborazione dal vivo si possono citare quelle con Vasco Rossi, Ligabue, U2, Skunk Anansie, Alanis Morissette e The Cramberries. Numerose sono le sue apparizioni televisive e radiofoniche.

Ma Torrisi non è solo un musicista, in ambito pittorico cresce nello studio dell’artista Marco Lodola dal quale impara le tecniche della Pop Art.

La mostra Like a Virgin

Con la mostra Like a Virgin, si sono raccolte le opere con soggetto femminile in stile pop art le quali non sono, come può sembrare ad una prima superficiale osservazione, dei quadri sensuali ed erotici bensì quadri di forte denunzia contro la mercificazione della donna oggetto.

Le opere hanno una forza cromatica esuberante legata alle modalità narrative fumettistiche, ma rielaborano personaggi e dettagli fino all’astratto.

Sembra che i soggetti siano indiscussi protagonisti di un immaginario pop story board: si stagliano da una liquida realtà metafisica in una dimensione asettica, levigata, fluorescente, oltre la realtà fisica delle cose.

Lo sguardo osservatore di Sasha è quasi felliniano, ama il particolare: giocare con accattivanti pin-up, con gli occhi e labbra, come fossero tessere di un nobile domino, di un’elegante regia.

Un ritmo compositivo energico e frenetico che scaturisce dalle esperienze musicali acquisite generando uno stile unico. Torrisi ha esposto in tutto il mondo con notevole interesse di pubblico e critica.

Le opere esposte mostrano molteplici e affascinanti volti e corpi dell’universo femminile in un caleidoscopio di colori. Incontriamo l’intrigante orientale che mangia il sushi in “sushi 3”, la sensualità esibita in “Donna”, la forza e la tenacia delle donne d’oggi nell’eroina Wonder Woman in “Red Cross woman” l’eleganza di altri tempi in “Pavone Decò” per finire nei tipici colori che rappresentano il mondo LGBT in “Lady Pride”.

PRODUZIONE

Logo Villa Del Bene         

IDEAZIONE E CURA DELLA MOSTRA

Sasha Torrisi

COORDINAMENTO ORGANIZZATIVO E RELAZIONI ESTERNE

Alice Bellotto

SPONSOR

Logo B&B Studio

PATROCINIO

Logo Ministero della Cultura

Mostra Welcome back Marilyn [Giu 21]

Mostra Welcome back Marilyn [Giu 21]

Locandina Welcome back Marilyn

Welcome back Marilyn è la mostra che Gianneugenio Bortolazzi dedica a Marilyn Monroe e che sarà inaugurata sabato 12 giugno.

Sarà visitabile dal 13 giugno al 18 luglio nelle sale Tiziano e Raffaello del complesso monumentale di Villa Del Bene.

G.B. sarà la semplice firma dell’artista che sarà impressa sulle particolari visioni che vedono protagonista Marilyn Monroe, attrice e figura carismatica del ‘900.

La mostra Welcome back Marilyn

Marilyn è stata replicata con varie tecniche dall’artista, che non ha posto limiti alla tipologia del supporto: tela, carta, faesite o plexiglass. I colori utilizzati sono acrilici ma anche vernici e cere. Per i tratti dei contorni talvolta è stato utilizzato il carboncino.

”Vuoi che diventi una nuvola?” oppure “Ti dava l’idea che mordendola” o  ancora “ il sorriso di Marilyn” sono alcuni dei nomi delle opere esposte.

Cosa c’è di meglio della bellezza per rinascere dalle ore buie che abbiamo vissuto?

Non è la prima volta che Bortolazzi dedica le sue opere alla Monroe. In precedenza ha prodotto e realizzato Au revoir Marilyn, altra mostra per la bionda e sensuale attrice, tenutasi in occasione del 50esimo anniversario della morte, nel 2012. Per l’artista, Marilyn rappresenta la bellezza. La bellezza strappata al tempo che fugge.

Le visioni di Marilyn rappresentate nelle varie sue opere esposte vogliono essere un omaggio alla donna e alla bellezza che racconta.

Belli non si nasce si diventa, la bellezza innata prima o poi finisce, perché il tempo passa per tutti e, soprattutto, passando lascia addosso i segni. La bellezza è la nostra capacità di regalare emozioni agli altri. Altrimenti, è soltanto estetismo, misura, limite.
Infatti Norma Jeane, questo era il veno nome di Marilyn, non voleva diventare ricca, sognava solo di essere bellissima. La bellezza è arte, è sogno, ricerca di verità e di immortalità. E’ immaginazione, fantasia, intuizione delle forme e non riguarda il fisico, ma il corpo. Non è nella perfezione gelida delle linee, per quanto lisce e sinuose, ma nello spirito che pervade la forma, nello sguardo, nel gesto, nell’andatura.

L’artista con le visioni di Marilyn scruta un nuovo rinascimento, dove l’uomo deve riappropriarsi delle proprie scelte e del proprio destino, come aveva fatto lei. Le ore buie sono passate, ora è il momento della rinascita, del rinascimento. Marilyn era innamorata del nostro Rinascimento.

PRODUZIONE

Logo Villa Del Bene         

IDEAZIONE E CURA DELLA MOSTRA

Gianneugenio Bortolazzi

UFFICIO STAMPA

ArtCorner

COORDINAMENTO ORGANIZZATIVO E RELAZIONI ESTERNE

Alice Bellotto

SPONSOR

Logo B&B Studio

PATROCINIO

Logo Ministero della Cultura

700 volte Dante – Libere reinterpretazioni del Sommo Poeta [Mag 21]

700 volte Dante – Libere reinterpretazioni del Sommo Poeta [Mag 21]

Locandina 700 volte Dante

700 volte Dante A settecento anni dalla scomparsa di Dante, la Galleria d’Arte Contemporanea di Villa Del Bene, vuole rendere omaggio al Sommo Poeta con un sintetico, ma molto rappresentativo, ciclo di opere di tre artisti veronesi dal titolo 700 volte Dante. Le opere, esposte nella sala Giorgione del Complesso Monumentale di Villa Del Bene, indagano con studio teorico – metodologico taluni elementi del viaggio ultraterreno che Dante compie nella Divina Commedia, con un nuovo paradigma delle trasformazioni e dei cambiamenti che avvengono nella complessità del contemporaneo. Sono elaborate contingenze e allegorie narrate dal Poeta nella sua Commedia, personaggi e luoghi lasciati alla libera traduzione dell’occhio attento dell’osservatore. Un ciclo di opere molto diverse tra loro per tecnica, ma che hanno in comune l’intento di immettere l’osservatore dentro il racconto con una nuova coscienza ed emozione.  

Abate Salvatore

“LE DONNE DI DANTE”

Utilizzando una tecnica molto antica (la Gomma Bicromata) che ben si adatta alle innumerevoli possibilità interpretative e creative, l’artista rappresenta l’inferno, il purgatorio e il paradiso con tre soggetti di donne: Semiriade, Pia De Tolomei e Cunizza Da Romano.
Le opere sono realizzate su un supporto di carta da disegno di elevata qualità che viene collato con una soluzione diluita di gelatina, per eliminarne la porosità. Dopo un passaggio in una soluzione di formaldeide, la carta viene sensibilizzata con una miscela di gomma arabíca e pigmento colorato, cui si unisce, immediatamente prima dell’uso, una soluzione di bicromato di potassio. Il foglio viene quindi lasciato ad asciugare al buio.
L’esposizione avviene utilizzando i raggi UV e con un negativo posto sulla superficie del foglio. Successivamente il foglio è messo a bagno nell’acqua, che asporta la gomma e il pigmento delle zone che non sono state esposte.  Le operazioni di stesa, sensibilizzazione, esposizione e spoglio si ripetono, mettendo a registro negativo ed immagine precedente (esposizioni multiple) fino al raggiungimento della densità e dell’effetto desiderato.

 

Bortolazzi Gianneugenio

“L’INVENZIONE DELL’INFERNO TRA NERISMO NEOSIMBOLISMO”

L’artista vuole superare la pura visività del “falso” apparire, cercando di trovare delle corrispondenze tra mondo oggettivo e sensazioni soggettive. Recuperare la spiritualità di tutto ciò che esiste nella realtà, ma non è direttamente visibile dall’occhio umano.
Si vuole trovare la via per superare la rappresentazione dell’oggetto e sostituirla con l’espressione del proprio “Io”.
Il coraggio di rifiutare la resa dell’illusione nella pittura, che è in grado di trasfigurare la realtà nell’esaltazione delle linee e dei colori che maggiormente suscitano la reazione emotiva, e la contrapposizione del simbolo alla realtà, con l’obiettivo di penetrare al di là delle apparenze del reale, impongono all’osservatore uno sforzo mentale per ritrovare la propria immagine di realtà.
La realtà autentica non va individuata nell’esistenza oggettiva delle cose ma nelle idee. L’essenza della realtà non sta in ciò che si vede con gli occhi ma in ciò che si percepisce con l’anima.
Le opere: Lo scialacquatore, Ho tradito e Il passaggio della porta, altro non vogliono essere che l’attualizzazione dei peccati e del pensiero di Dante che troviamo nei canti XIII°, XXXII° e III° dell’inferno, ascritti al popolo italiano di oggi.

Rodriquez Gabriele

“DANTE E LE DONNE

L’artista ci racconta, attraverso la Mobile Art, il soggetto più intenso per il sommo poeta: la Donna.
Le immagini composte sono prese esclusivamente con la telecamera dello smartphone e rielaborate poi con le potentissime App dedicate all’editing dell’immagine.
All’interno delle elaborazioni sono riconoscibili elementi tratti dalle tavole di Gustavo Doré piuttosto che figure surreali di George Underwood. L’artista usa le dita come pennelli digitali per dare voce alla sua creatività, l’esecuzione è veloce e il collegamento continuo delle varie tavole, per non perdere di vista il filo conduttore, talvolta diventa ossessione.
Lo scatto iniziale è stravolto, il significato originale perde i suoi connotati documentali e viene calato in altre realtà che inevitabilmente conducono a spazi interiori di chi li manipola.
Si intreccia così l’inconscio dell’artista con l’artificialità semintelligente delle applicazioni le quali procedono autonomamente in base ad algoritmi generativi e originali che hanno dato vita alle opere esposte: Amore a prima vista, … e caddi come corpo morto cade, Donna m’apparve sotto verde manto.

 


La mostra è visitabile negli orari di apertura della Villa previa prenotazione della visita ed è compresa nel biglietto d’ingresso alla Villa.

PRODUZIONE

Logo Villa Del Bene

IDEAZIONE E CURA DELLA MOSTRA

Logo Galleria di Arte Contemporanea di Villa Del Bene

UFFICIO STAMPA

Logo FFCommunication

COORDINAMENTO ORGANIZZATIVO E RELAZIONI ESTERNE

Alice Bellotto

SPONSOR

Logo BHR Group    Logo B&B Studio

PATROCINIO

Logo Ministero della Cultura

[Set 20] Stile, eleganza, bellezza dei giorni nostri

[Set 20] Stile, eleganza, bellezza dei giorni nostri

I canoni di bellezza, gli stili variano nel tempo. Essi sono stati, sono e saranno concepiti in modo diverso a seconda delle epoche storiche. Ogni epoca, infatti, ha espresso una visione propria della bellezza, dello stile, dell’eleganza. Questo emerge, con particolare riferimento agli oggetti e alla persona, non solo a livello diacronico dallo sviluppo delle forme storico-artistiche ma anche in termini sincronici all’interno di una stessa epoca in relazione a contesti geografici e culturali diversi.

La fotografia, come l’arte pittorica o scultorea, diventa lo strumento con il quale è possibile fissare nel tempo tutti quegli elementi che da sempre l’essere umano riconosce come sinonimi di stile, eleganza e bellezza, della sua epoca.

Si pensi alla riflessione filosofica intorno all’idea del bello (lo stile, l’eleganza ne sono sinonimi) che intorno alla metà del XIX secolo tematizza il rapporto che unisce la bellezza, pensata nella sua stretta connessione con la nozione di arte, e la sfera della vita, considerata nella sua contingenza e temporalità.

In questo senso acquista un’importanza decisiva rimuovere il modo di vedere la bellezza come un ideale di assoluta perfezione garantita dall’equilibrio armonico della forma e dal suo ordine razionale. Nietzsche afferma, nella Nascita della tragedia (1872), che la bellezza è sempre e solo una “bella apparenza”. Così per Nietzsche la bellezza non può darsi indipendentemente da un fondo oscuro e indeterminato che essa rivela. È quello che viene tematizzato attraverso il rapporto originario che lega Apollo, appunto il dio della bellezza, e Dioniso, che invece rappresenta il pathos, ossia la vita.


La mostra è visitabile negli orari di apertura della Villa previa prenotazione della visita ed è compresa nel biglietto d’ingresso alla Villa.

PRODUCERS

   

IDEATION AND PRODUCTION

Gianneugenio Bortolazzi

Federico Bortolazzi

PATRONAGE

ART DIRECTION

Angelo Lanza

ART CONSULTANT

Jamila Yasmin Attou

ECONOMIC SUPPORT

   

PRODUCTION SEGRETARY

Alice Bellotto

[Lug 20] Raffaello il genio e l’uomo

[Lug 20] Raffaello il genio e l’uomo

Gianneugenio Bortolazzi, in occasione della ricorrenza del 500° anniversario della morte di Raffaello, presenta un sintetico ciclo di opere dal titolo “Raffaello – Il Genio e l’uomo”.

L’arte aggalla dal passato con Gianneugenio Bortolazzi che, con una serie di opere in tecnica mista e collage su cartone alveolare e fotografia digitale, si ispira e riproduce, in chiave attuale, la pittura del genio di Urbino.

L’amore per le donne è ben rappresentato nelle sue varie forme: in “Madonna Maga Ciarla” e “Madre” coglie l’amore del figlio, ricambiato dall’amore delle madri per i loro figli in “Madonna Donna Madre”. L’immagine sotto un velo azzurro è tagliata in due e sfalsata, segno del dolore che accompagnò la madre di Cristo e di molte donne in tutti i tempi.

In “Fornarina”, un corpo femminile di grande seduzione, racconta l’intenso amore per la sua amata, Margherita Luti.

Quasi astratto e con colori vivacissimi “Per durare perpetuamente” con le chiavi di San Pietro e uno scritto riferito ad una lettera di Raffaello a Leone X rappresenta l’amore di Raffaello per la bellezza della città eterna, Roma.

L’artista, in questo sintetico ciclo dedicato a Raffaello, infine, con: “La natura temette di morire con lui“ esprime un atto di accusa alla cultura moderna. Una figura femminile, che rappresenta la natura, sfiora un corpo non ben definito e sfumato che si immerge in un sonno eterno, portando con sé la bellezza della vita.

Bortolazzi è valido anche nella scultura. In mostra un’opera in carta, stucco e foglia oro “Al di là della vita e della morte” con un libro che si sfoglia rivelando particolari dei lavori del Grande.

L’autore ha compreso esattamente le incertezze del mondo attuale e, con la sua arte, ripropone quella bellezza che può salvare gli uomini.

 


La mostra è visitabile negli orari di apertura della Villa previa prenotazione della visita ed è compresa nel biglietto d’ingresso alla Villa.

PRODUZIONE

   

IDEAZIONE E CURA DELLA MOSTRA

Gianneugenio Bortolazzi

UFFICIO STAMPA

COORDINAMENTO ORGANIZZATIVO E RELAZIONI ESTERNE

Alice Bellotto

SPONSOR

   

PATROCINIO